L’ultima notte di Nebbia, un fantasy tra “strie”, magia e “fumana”…

7 08 2009
La copertina del libro di Luca Marchesi

La copertina del libro di Luca Marchesi

Una Bassa Modenese che si tinge di colori brumosi e di un mistero carico di magia. È quella che funge da sfondo de “L’ultima notte di nebbia-  Il mostro e le streghe della Bassa” (Leone editore),  opera prima dell’autore medollese Luca Marchesi. Una laurea in Lettere Moderne, giornalista e addetto stampa presso enti pubblici,  Luca esordisce con un romanzo fantasy, le cui atmosfere riecheggiano quelle delle opere dello scrittore finalese Giuseppe Pederiali.
Protagonista de “L’ultima notte di nebbia” è Francesco un bambino dei nostri giorni, che si divide tra la Playstation, Dragon Ball e gli straordinari poteri, ereditati dalla nonna Noemia, la strega più potente della Bassa. Con questi poteri e insieme ad altri tre cavalieri, la fidanzatina e provetta karateka Daniela, il maresciallo dei carabinieri, Milano, e a Paola, cartomante, nonché donna bellissima oggetto del vituperio dei compaesani per il singolare stile di vita condotto, Francesco dovrà affrontare il Ciribecco, creatura responsabile del rapimento di diverse ragazze, tra cui Marina. Questo essere si muove con la nebbia,con cui punta a invadere la Bassa e poi il mondo intero. Ma dovrà vedersela con la squadra dei quattro cavalieri, capitanata da Noemia.
Il romanzo è destinato a ragazzi, ma anche ad adulti appassionati del genere e a coloro che abbiano voglia di immergersi in un racconto intrigante e ben costruito. La narrazione è scorrevole, semplice,  ma allo stesso tempo ricca dal punto di vista linguistico. Non mancano termini dialettali che danno all’opera una caratterizzazione tutta modenese. E modenesi, nella fattispecie della Bassa, sono i luoghi descritti, così come l’autore sa restituire sapientemente la dimensione di una realtà provinciale, attraverso l’inserimento dei tipici personaggi di paese dediti al gossip e a pregiudizi legati a una mentalità ristretta.
Non mancano momenti divertenti che fanno sorridere il lettore, come non manca qualche piccolo brivido e alcuni momenti di suspence.
C’è poi Francesco, un bambino dei giorni nostri, alle prese con qualcosa di arcaico, ben più grande di lui. Il Ciribecco, essere amorfo e temibile, rappresenta le sue, ma anche le nostre paure.  E’ “l’uomo nero” della leggenda che s’introduce nella stanza per sottrarre il bambino dal proprio letto. Per il piccolo protagonista della vicenda, sconfiggerlo significa vincere i propri timori.  Significa crescere.
Il volume è il primo di una serie che vede al centro della vicenda Francesco, piccolo mago alle prese con la lotta contro il Male, che vuole impadronirsi della Bassa.

(Roberta DeTomi)

Annunci

Azioni

Information

2 responses

7 08 2009
L'ultima notte di Nebbia, un fantasy tra “strie”, magia e “fumana …

[…] Link articolo originale: L'ultima notte di Nebbia, un fantasy tra “strie”, magia e “fumana … […]

8 08 2009
Fabio

E’ veramente bello! lo consiglio a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: